Il Festival Internazionale del Teatro per Bambini di Wroclaw ed io

Lo scorso fine settimana ho partecipato al Międzynarodowy Festiwal Teatrów Dla Dzieci. Dall’alto delle mie competenze linguistiche vi fornirò la traduzione. Festival Internazionale del Teatro per Bambini. Międzynarodowy vuol dire internazionale; dzieci vuol dire bambini, che al singolare è dziecko. Così per dire. Potete immaginare qualcosa di meno adatto a me? Però sono ambasciatore, e quindi ambascio. Continue reading Il Festival Internazionale del Teatro per Bambini di Wroclaw ed io

Advertisements

Blu, Ericailcane: i murales italiani in Polonia

Il mese passato sono stato a Cracovia. Ho fatto 350 foto in 3 giorni. Se ci fossero ancora i rullini fotografici da 24 e da 36 andrei fallito; oppure farei fotografie con maggiore parsimonia, chi può dirlo. Ma tant’è, gli anni ’90 sono finiti ed anche il più banale dei soprammobili merita almeno cinque o sei foto. Figurarsi una città intera.

Comunque girando per Cracovia senza una meta e un obiettivo mi sono per due volte accodato a due gruppi di turisti guidati dalle guide dei free city tour. Il primo l’ho seguito dentro il Castello reale di Cracovia, il Wawel – neanche a dirvi che ho fatto uno sproposito di foto – e presto le vedrete tutte, non pensate di scamparla. La seconda guida l’ho seguita nel vecchio ghetto di Cracovia. Attraversando il quartiere di Podgorze sulla destra ad un certo punto appare un grande murales che ricopre l’intero muro laterale di un palazzo. Una grande campana gialla, che è al tempo stesso megafono. La campana è decorata da simboli papali, e sotto di essa una massa informe di uomini tutti uguali ascolta fissa la voce del megafono. Il messaggio è evidente. La guida ce lo indica, nel cuore della cattolicissima Cracovia è un simbolo piuttosto significativo. L’autore dell’opera è italiano, continua la guida, che poi ci condurrà fino ai luoghi della fabbrica di Schindler.

L’autore di quell’opera è Blu. Originario di Senigallia, ma cresciuto a Bologna, nel 2011 segnalato da The Observer come uno dei dieci migliori street artist in circolazione. Quello che non sapevo è che anche molti dei murales di Breslavia sono opera di artisti italiani. Come Blu, appunto, Ericailcane e Dem. Così sono tornato a cercarli. Ne ho trovati alcuni. Questo ad esempio era anche vicino a dove abito io.

Gli gnomi di Breslavia

A Breslavia ci sono gli gnomi. O nani, o folletti. Non sono pratico, il nome in polacco è krasnale. Comunque la città ne è piena. Ad ogni angolo di strada, in mezzo alle piazze, nascosti dietro le finestre. Manco a dirvi che sono statue. Sculture in bronzo alte più o meno trenta centimetri, che rappresentano i suddetti krasnale intenti nelle attività più varie.

Non ne conosco il numero esatto, anche perchè tendono ad aumentare con una certa costanza, ma se volete una stima approssimativa direi tra i due e i trecento. Sono così tanti che esistono delle mappe per ritrovarli. Ovviamente sono per i turisti, a cui è offerto così un modo diverso per girare la città. I bambini si divertono con una sorta di caccia al tesoro e gli adulti si divertono con una serie infinita di fotografie: foto di gnomo dall’alto, foto di gnomo dal basso, foto di gnomo con figli, foto di gruppo con gnomo, selfie con gnomo. Ovviamente io non mi sono sottratto. Anche se dopo un po’ di settimane che ero qua ho cominciato un po’ a vergognarmi di far le foto agli gnomi come l’ultimo dei turisti, e per cercare di dare dignità al mio status di straniero-che-fa-delle-foto-ma-non-è-un-turista ho smesso.

Ora, se pensate che quella degli gnomi sia tutta un’operazione di marketing ordita dall’ufficio del turismo di Wroclaw, vi sbagliate. Dietro c’è addirittura una storia seria.

ALERT! Segue storia seria (potete saltare e passare direttamente alle foto). 

Negli anni ottanta in Polonia c’era il regime comunista. Per quanto possa sembrarvi strano vivere sotto un regime autoritario non piaceva a tutti i polacchi. Il più celebre movimento di protesta polacco è stato il sindacato Solidarność. A Wrocław in quegli anni nacque uno strano movimento chiamato Pomarańczowa Alternatywa, che contestava il regime con strumenti satirici e non-sense. Come ad esempio assurdi graffiti raffiguranti dei nani, che venivano dipinti dove le autorità avevano cancellato precedenti slogan di protesta.

Nel 2001 per comemorare l’azione di Alternativa Arancione le autorità della città commissionarono la realizzazione di una statua raffigurante uno gnomo da porre sulla via Świdnicka, dove si svolgevano le manifestazioni del movimento. Pochi anni più tardi furono commissionate altre cinque statuette, più piccole della prima. Oggi, come detto, ce ne sono quasi trecento.

[CLICK TO ENLARGE]

 

Sunrise at Ostrów Tumski.

Ostrów Tumski. Qui, circa mille anni fa, nacque la città di Wroclaw. Ostrów Tumski, tradotto dal polacco, significa isola della cattedrale – o almeno questo dice google translate. In realtà però l’isola della cattedrale non è più un isola da più di 200 anni. La Cattedrale di San Giovanni Battista, invece resta, anche se, come buona parte di questa città, è stata ampiamente ricostruita dopo la seconda guerra mondiale.

Ostrów Tumski nel 1315 fu venduta alle autorità ecclesiastiche, e rimase un territorio indipendente dalle leggi della città fino all’epoca napoleonica. Distrutte le fortificazioni dell’isola, i francesi, ricoprirono il braccio di fiume che passava dietro alla Cattedrale, lasciando Ostrów Tumski un isola solo nel nome.

La zona ha però nel tempo mantenuto la propria peculiarità. Ad esempio le novanta lampade a gas che la illuminano vengono accese e spente manualmente. Un uomo, tutti i giorni, vestito con un pesante mantello scuro, fa il giro dell’isola e con un lungo arpione accende le novanta lampade. L’ho incontrato la prima volta diverse settimane fa, verso le 19, quando la luce del giorno cominciava a farsi più debole. L’ho incontrato di nuovo l’altro giorno, erano le 5.30 e lui sulla via Katedralna spegneva le luci man mano che io mi avvicinavo alla Cattedrale di San Giovanni Battista. Poi si è spenta anche l’illuminazione della Cattedrale, consegnando Ostrów Tumski alla solenne quiete delle prime ore del mattino.

[CLICK TO ENLARGE]

Le mura di Breslavia

La singola cosa che più caratterizza la città di Breslavia è certamente la sua piazza centrale, la Piazza del Mercato, il Rynek. Un enorme rettangolo lungo più di 200 metri e largo poco meno. Al centro l’antico municipio, il nuovo municipio e altri palazzi. Il risultato è un grande spazio pedonale che gira attorno ad un blocco di edifici.

Un alternarsi di stili diversi, gotico, barocco, classico che avvolgono le giornate delle migliaia di persone che regolarmente vivono questo affascinante spazio. Molto è stato ricostruito dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale, mantenendo il disegno di fine ottocento. Dal Rynek partono undici vie che si infilano nelle diverse aree della città. Man mano che vi allontanate dal centro i palazzi assumono forme diverse, testimoniando un passato più recente ed una attenzione al dettaglio meno spiccata. Gli edifici d’epoca comunista e post hanno lasciato nella città un’infinità di mura e cemento. In passato spazi per la contestazione del regime, oggi grandi espositori a cielo aperto per un’arte che copre il grigio.

 

BuskerBus, gli artisti per le strade di Breslavia

Chiunque abbia passato il fine settimana passeggiando per le strade del centro di Breslavia non avrà potuto evitare di imbattersi in improvvisi capanneli di persone raccolti qua e là. L’intero centro della città è stato per tre giorni un unico grande palco per decine di artisti di strada provenienti da tutto il mondo e radunatisi a Breslavia per la dodicesima edizione del festival BuskersBus.

[ENGLISH VERSION BELOW]

Musicisti, mimi, burattinai, giocolieri e artisti d’ogni genere, tutti grandi intrattenitori capaci di rapire l’attenzione dei passanti, di ipnotizzare i bambini e divertire i più grandi. Coltelli, birilli, sfere ed hula hoop ogni strumento nelle giuste mani può diventare arte; e così ogni angolo di strada quando il momento è più opportuno si trasforma rapidamente in un piccolo anfiteatro improvvisato, che dura il tempo di una performance, che nasce al grido di Ladies and Gentlemen e si dissolve quando tutte le monete sono già nel cappello.

[CLICK PHOTOS TO ENLARGE]

If you are walking in the streets of Wroclaw these days you cannot avoid running into unexpected groups of people gathered here and there. The entire center of the city for three days is one big stage for dozens of street performers coming from around the world and gathered in Wroclaw for this edition of the BuskersBus Fest.
Musicians, mimes, puppeteers, jugglers and artists of all kinds, all great entertainers able to fascinate passersby, to mesmerize children and entertain grown ups. Knives, pins, balls and hula hoop every tool in the right hands become art. Every street corner, in the right moment, quickly turns into a small makeshift amphitheater, it lasts the time of a performance, it sprouts with a “Ladies and Gentlemen” and dissolves when all the coins are already in the hat.

Hala Stulecia, da Picasso a Schwarzenegger

Hala Stulecia, ossia la Sala del Centenario – costruita fra il 1911 ed il 1913 secondo i piani dell’architetto Max Berg, l’edificio doveva commemorare il centesimo anniversario della guerra del 1813 contro Napoleone. Nei successivi cento anni sotto la cupola disegnata dall’architetto tedesco sono passati tanti grandi interpreti della storia del novecento. Pensata come grande tempio laico della democrazia, Hala Stulecia è stato il palco delle parate dei più Continue reading Hala Stulecia, da Picasso a Schwarzenegger

Wroclaw in Italian

%d bloggers like this: